RSS

Archivio mensile:agosto 2012

GoogleChromeOS collaudato!

Finalmente oggi sono riuscito a provare CromeOs, il sistema operativo sviluppato da Google per i suoi notebook (i ChromeBook appunto) e donatci non ufficiale da Hexxeh nella sua Beta nel suo blog in due versioni, Lime o Vanilla:

 

 

Si tratta di un sistema operativo basato su internet, e completamente fruibile solo con una connessione attiva.

Al momento dell’accensione vengono richiesti alcuni dati, come nazione lingua..

Si procede con la connessione e l’ingresso nell’account di Google che permette l’immediata sincronizzazione al momento dell’accesso con la “nuvola” di Google, quindi tutti i file salvati in Google Drive e i preferiti e le applicazioni di Chrome.
I dati dell’account andranno inseriti nella schermata iniziale (nell’immagine di seguito) per accedere

Si giunge quindi al desktop, su cui di default è aperto Chromium, ossia il nostro vecchio caro browser (google chrome) adattato per svolgere tutte le funzioni necessarie ad un computer tramite le applicazioni scaricabili dal Chrome Web Store, già attivo da tempo e accessibile da qualunque pc.
Vi è aperta una scheda (
tips and tricks, cioè trucchi e consigli) utile per iniziare ad usare ChromeOs

Si può quindi accedere ai documenti presenti sul computer oltre a quelli archiviati su Google Drive, installare gratuitamente applicazioni utili a svolgere vari lavori, tra cui creazione di documenti di testo, fogli di calcolo e presentazioni, disegni, appunti, grafici, vi sono poi quelle per il foto-ritocco oltre ai classici collegamenti a GoogleDrive, SkyDrive, DropBox, Google Calendar e numerosissimi giochi.

Ed ecco come appare lo schermo, una volta personalizzato il desktop:

Questo “nuovo” tipo di programmi (adottato anche da Microsoft per Windosw 8 che uscirà a ottobre col nome di metro apps) ha numerosi vantaggi: le così dette web apps sono gratuite, non occupano spazio sull’ Hard Disk in quanto sfruttano la connessione ad internet e sono disponibili su qualunque pc ovunque ci si trovi (purché si abbia GoogleChrome installato, una connessione ed un account Google)…

Il problema è appunto la connessione: mentre negli States il wi-fi è facilmente fruibile, qui in Italia la faccenda è più complessa, per cui la vendita dei ChromeBook non dà molto frutto, in ogni caso esistono applicazioni fruibili anche offline e i documenti di Drive possono essere impostati per essere utilizzati anche senza rete.

Nella versione Beta (ossia quella fino ad ora fruibile su pc che non siano Chrombook) ho riscontrato qualche altro difetto, che potrebbe però essere stato già risolto mentre scrivo, dato che viene aggiornata giornalmente. In primis l’estrema lentezza, dovuta all’assenza di accelerazione grafica, in secondo luogo il fatto che non riconosce il touchpad del Pc e che non si connette alla rete wifi, ma questo potrebbe effettivamente dipendere da un mio errore o dal mio computer.

Le peculiarità dell’Os di Google sono dunque la diretta relazione col web, la leggerezza e quindi (ci auguriamo per la versione definitiva) la rapidità, la semplicità sia nell’interfaccia grafica sia nella fruizione per il pubblico, e infine la connessione alla nuvola di Google.

Molte sono ancora le cose da rifinire, ma certamente BigG ha compiuto un grande passo avanti che indubbiamente spronerà anche le altre case produttrici di software a procedere sempre più in questa direzione: quella del web e della semplicità.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 16 agosto 2012 in informatica

 

Tag: , , , , , , ,

80 anni di LEGO

Così la LEGO ricorda la sua nascita sulla pagina facebook (https://www.facebook.com/LEGOGROUP) gestita da Lars Silberbauer:

20120815-144142.jpg
<<‘Solo il meglio è abbastanza buono’ (‘Only the best is good enough’) era il motto del fondatore della società LEGO. Suo figlio lo scolpì in un segno e lo appese al muro del negozio. Lo sapevate che, 80 anni dopo, questo è ancora il motto all’interno dell’azienda?>>

20120815-144340.jpg
<Kristiansen, maestro carpentiere e falegname, stabilì la propria attività nel villaggio di Billund, in Danimarca. La sua azienda produsse scale a castello, assi da stiro, sgabelli e giocattoli in legno.>>.

Invece il 10 agosto 2012 per festeggiare i suoi 80 anni ha pubblicato sul sito web un articolo sull’evoluzione del gruppo lego (http://aboutus.lego.com/en-us/news-room/2012/august/lego-group-80-years/) insieme ad un interessante e divertente video (http://aboutus.lego.com/en-us/news-room/2012/august/lego-group-80-years-video.aspx?icmp=COUS33HomeRE1AboutUsNewVideo) per raccontare la sua storia, eccolo direttamente da youtube:

Torniamo alla storia: viene così riassunta invece nelle info della pagina fb:

20120815-151935.jpg
<<Pensiamo che la storia del Gruppo LEGO (che siamo noi!) sia piuttosto piacevole e semplice.
Il nostro Padre Fondatore, Ole Kirk Kristiansen, era un mastro carpentiere e falegname. Nel 1932, cominciò a fabbricare giocattoli in vendita a Billund, in Danimarca e allora è nato il marchio LEGO!
Il famoso Mattoncino LEGO non ha un aspetto fino ad un po’ più tardi negli anni ’50. Da allora, abbiamo portato vari giocattoli, esperienze di gioco e materiali didattici in oltre 130 paesi.
Lo sapevate che, in media, ogni persona su questo pianeta possiede 80 mattoncini LEGO? Questo è un gran numero di mattoncini e siamo molto felice di questo! Ciò significa anche che siamo il quarto più grande produttore di materiali di gioco in tutto il mondo intero, probabilmente nell’intera Galassia!>>
Segue una linea del tempo più dettagliata: https://www.facebook.com/LEGOGROUP/info

La stpria is può trovare anche in versione più estesa qui: http://aboutus.lego.com/en-us/lego-group/the_lego_history/.

Mi scuso per aver dovuto far riferimento al sito in lingua inglese perché, purtroppo, nella sezione italiana manca tutto quanto sopra citato, mi sono quindi servito del valido (non sempre) aiuto di GoogleTranslator (http://translate.google.com/?vi=c&hl=en#en/it/).

Buon divertimento con i vostri mattoncini! 🙂
Tanti auguri LEGO!!! 😀

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 15 agosto 2012 in giochi

 

Tag: ,

Kafka sulla spiaggia: recensione

  1. Kafka sulla spiaggia
  2. Kafka sulla spiaggia

Qui potete trovare la mia recensione sul libro da aprire nel vostro browser in formato PDF o da scaricare su pc in .docx (Word).
Troverete delle parole sottolineate, cliccando potrete aprire link a pagine di personaggi o concetti su Wikipedia o altre schede dello stesso libro.

20120812-204023.jpg

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 12 agosto 2012 in recensione

 

Tag:

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: